Gestire i conflitti nella coppia

In ogni relazione che abbiamo, ad un certo punto, ci troveremo alle prese con qualche conflitto. È inevitabile e umano e non si dovrebbero fare tanti tentativi per evitarlo. Un certo livello di disaccordo, infatti, è sano per i rapporti, ma si tratta di conoscere fino a che punto dovrebbe andare il conflitto e qual è il modo migliore per gestirlo.

Essere battaglieri e aperti a tutti gli scontri non è una buona idea, ma un conflitto ben gestito può ridurre la “pressione” che un rapporto dopo un po’ di tempo inevitabilmente accumula.

Ecco alcuni suggerimenti sulla gestione dei conflitti in una relazione.

Non stare sulla difensiva

Il modo più semplice e rapido per gestire i conflitti in un rapporto è quello di garantire, per quanto possibile, una comunicazione aperta ed onesta. Questo è quasi impossibile, tuttavia, se ci stiamo mettendo sulla difensiva e crediamo di essere offesi in ogni occasione, sia essa giustificata oppure no. Anche se il partner sta cercando di insultarci o di dire cattiverie sul nostro conto è importante fare il possibile per non farne una questione personale e non stare sulla difensiva.

Mantenere il conflitto sulla problematica attuale

È fondamentale quando si cerca di gestire un conflitto relazionale non portare mai la questione a problematiche del passato poiché questo porta spesso un duplice effetto: non solo c’è il rischio di  intensificare la discussione, incorporando anche altri vecchi problemi, ma si “getta sale” sulle cicatrici di vecchie ferite, mettendo noi e l’altro in una posizione aggressività, favorendo un linguaggio sgarbato e incurante dei sentimenti.

Non generalizzare

Non permettiamoci di generalizzare (per esempio gli uomini sono tutti ignoranti oppure le donne sono tutte isteriche). Al contrario, mantenere il conflitto basato sulla specificità del problema ci sarà di grande aiuto.

Non banalizzare

Quando abbiamo un conflitto che vogliamo risolvere, è importante non banalizzare il nostro interlocutore, i suoi pensieri, le sue emozioni o le sue preoccupazioni, pensando che non hanno valore poiché questa mancanza di tatto non aiuterà a raggiungere né la risoluzione nè la riconciliazione.  

Non mettere in bocca agli altri parole vostre

È di vitale importanza non avere la presunzione di sapere cosa il nostro partner sta pensando o cosa sta per dire; diamogli fiducia, ascoltiamo le sue parole e prendiamole con il beneficio del dubbio, sarà più probabile che lui faccia altrettanto.

Questo approccio a lungo andare può dare molte soddisfazioni e permette di gestire i conflitti con apertura e capacità di ascolto, tendendo ad un atteggiamento che mira alla riconciliazione.

Questa voce è stata pubblicata in Altro e contrassegnata con , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.