Disturbi di personalità

Decalcomania - R. Magritte

 Prima di parlare dei disturbi di personalità è importante sapere che i tratti di personalità sono modi costanti di percepire, rapportarsi e pensare nei confronti dell’ambiente e di se stessi, che si manifestano in un ampio spettro di contesti sociali e personali. Ognuno di noi leggendo i criteri che caratterizzano questi disturbi potrebbe riconoscersi in questo o in quel comportamento, questo non significa soffrire di un Disturbo di Personalità. È importante sapere infatti che soltanto quando i tratti di personalità sono rigidi e non adattivi, e causano una compromissione funzionale significativa o una sofferenza soggettiva, essi costituiscono un Disturbo di Personalità.    

Secondo la classificazione del Manuale Diagnostico e Statistico dei Disturbi Mentali (DSM IV-TR) la caratteristica essenziale di un Disturbo di Personalità è “un modello costante di esperienza interiore e di comportamento che devia marcatamente rispetto alle aspettative della cultura dell’individuo, e si manifesta in almeno due delle seguenti aree: cognitività, affettività, funzionamento interpersonale o controllo degli impulsi. Questo modello costante risulta inflessibile e pervasivo in un ampio spettro di contesti personali e sociali, e determina disagio clinicamente significativo o compromissione del funzionamento sociale, lavorativo o di altre aree importanti. Il quadro è stabile e di lunga durata, e l’esordio si può far risalire almeno all’adolescenza o alla prima età adulta. Il quadro non risulta meglio giustificato come manifestazione o conseguenza di un altro disturbo mentale, e non è dovuto agli effetti fisiologici diretti di una sostanza (per es., una droga di abuso, un farmaco, l’esposizione ad una tossina) o di una condizione medica generale (per es., un trauma cranico)”.    

Il DSM IV-TR classifica questi disturbi in 3 gruppi (cluster) sulla base dei sintomi presentati e della specifica compromissione che ne deriva, che sono così composti:    

Cluster A → disturbi caratterizzati da affettività inappropriata, pensieri e comportamenti inusuali/eccentrici, tendenza del soggetto all’isolamento e alla diffidenza (Disturbi di Personalità: Paranoide, Schizoide, Schizotipico).    

Cluster B → disturbi caratterizzati da comportamenti emotivi drammatici, imprevedibili, con tendenza impulsiva a passare all’atto (Disturbi di Personalità: Antisociale, Istrionico, Borderline, Narcisistico).    

Cluster C → disturbi caratterizzati da condotte inibite dalla paura o fortemente marcate dall’ansia (Disturbi di Personalità: Evitante, Dipendente, Ossessivo Compulsivo).    

Disturbo Paranoide di Personalità

Disturbo Schizoide di Personalità

Disturbo Schizotipico di Personalità

Disturbo Antisociale di Personalità

Disturbo Borderline di Personalità

Disturbo Istrionico di Personalità

Disturbo Narcisistico di Personalità

Disturbo Evitante di Personalità

Disturbo Dipendente di Personalità

Disturbo Ossessivo-Compulsivo di Personalità